regole-della-dizione

DIZIONE E REGOLE DELLA DIZIONE

Fondamentale aspetto al fine di parlare in corretta dizione italiana, è l’apprendimento delle regole della dizione che ne stanno alla base.

La memorizzazione delle regole della dizione, per essere realmente efficace, deve avvenire in due modi:

  • Studiando la teoria che le prevede
  • e applicandole attraverso la scrittura e/o lettura ad alta voce di testi specifici.
  • infine è importante anche un continuo ascolto delle parole pronunciate in dizione.

È come apprendere una nuova lingua: oltre a pronunciare correttamente a voce alta, è necessario l’ascolto e l’auto-ascolto.

Occorre “farci l’orecchio”, come si suol dire, abituarsi cioè ad ascoltare doppiatori preparati ma anche se stessi e la propria voce mentre si pronunciano i nuovi suoni.

La mente, in questo modo, li memorizza e li fa propri.

Un altro obiettivo che si raggiunge con lo studio delle regole della dizione, è l’eliminazione della cadenza dialettale.

Per tale non bisogna intendere solo la musicalità che si utilizza nel parlato (cioè la cantilena che è data dal tono con cui pronunciamo le frasi), poiché la cadenza è data anche da un insieme di pronunce errate sia di vocali che di consonanti. (Si vedano sopra i gruppi consonantici, di cui al paragrafo del “Suono”).

Quindi, per prima cosa occorre “ripulirsi” da tali errori, e poi si potrà lavorare sulla musicalità, attraverso esercizi appositi che permettono di ottenere tale risultato (es: lettura monotono, raddoppiamento fonosintattico, ecc…).

Completano il quadro della dizione tutti gli aspetti del parlato che suscitano emozioni in chi ascolta: intenzione, tono, volume, ritmo, mimica facciale.

 

LE REGOLE DELLA DIZIONE: VOCALI APERTE E CHIUSE

Se ci fossero regole tassative sull’uso del suono aperto o chiuso, sarebbe in un attimo risolto il secolare problema di un’unità di linguaggio nazionale.

Nella realtà ogni insegnante e corso indica delle regole parzialmente diverse, accorpando o dividendo regole per desinenze o terminazioni, per regole ed eccezioni, le eccezioni alcuni le rendono regole… (Alcuni manuali sono davvero una confusione!)

Di seguito ti darò, per ogni vocale, solo le Principali Regole della Dizione più importanti con le relative Eccezioni ove vi fossero.

Per memorizzarle, si fiducioso:

il gioco in fondo e più semplice di quel che sembra!

Basta applicarsi con costanza, cercando di imparare mnemonicamente quei suoni che al vostro orecchio risulteranno nuovi, ripetendoli e ripetendoli, magari con l’ausilio di un registratore; dovrai ascoltarti per accettare soprattutto te stesso.

 

REGOLE DELLA “E” APERTA E RELATIVE ECCEZIONI

Il suono E va pronunciato sempre aperto:

  1. Nelle parole di origine straniera che pronunciate terminano in consonante 

esempi: detèctive – referèndum – vademècum – rèquiem – rècord – tènnis – thèrmos.

  • Nei vocaboli tronchi di origine straniera:

esempi: caffè – bignè – thè – ecc…

 

  1. Nelle terminazioni in èndo/a/i/e 

Esempi: vedèndo – leggèndo – agènda – aziènda – faccènda – tènde – bènda – dicèndo – gemèndo – pulèndo.

  • Nelle desinenze dell’infinito in “èndere” 

Esempi: appèndere – comprèndere – difèndere – rèndere.

Eccezioni: véndo – scéndo – vénda – scénda – véndere – scéndere

 

 

  1. Nelle terminazioni in -èllo/a/i/e

Esempi: lavèllo, porcèllo, bidèllo, cammèllo…

Eccezioni:

  • stélla/e – capéllo/i
  • Nelle preposizioni articolate e aggettivi dimostrativi: néllo/a/i/e – quéllo/a/i/e, ecc…

 

  1. Nelle desinenze in ètte-ètti-èttero del passato remoto 

esempi: vendètti – credètte – stèttero – dovètti – gemèttero.

 

  1. Nei vocaboli che terminano in èdine-èdini 

esempi: acrèdine – pinguèdine – salsèdine – rèdini.

 

  1. Nelle desinenze in rèi-rèbbe-rèbbero del condizionale presente

esempi: amerèi – farèbbe – comprerèbbero – potrèi – saprèi – uscirèbbe – salterèbbero.

 

  1. Nelle terminazioni in ènnio (anche al plurale) 

esempi: biènnio – triènnio – quarantènnio.

 

  1. Nelle terminazioni in ènso-ènsa-ènsi-ènse

esempi: circènse – estènse – forènse – dènsi – immènse – melènso – propènso.

 

  1. Nelle terminazioni in ènto-ènta-ènti-ènte

esempi: coerènte – cosciènte – possènte – sapiènte – furènte – intelligènte – attento – contènto – lènta – turbolènti – avènte – facènte – uscènte;

  • aggettivi in -mènte: opprimènte, gemènte, demènte, deprimènte.

eccezioni:

  • avverbi in -ménte: possibilménte-fortunataménte
  • vocaboli che terminano in ènto/a/i/e, in cui la “e” su cui cade l’accento tonico è preceduta dalla “m”come:

ménto, ménta, moménto, torménto, seménte, altriménti, abbigliaménto, esauriménto, fidanzaménto…

  • Nei numerali vénti – trénta (per memorizzare: “Alle venti e trenta trovi tutto chiuso”).

 

  1. Nelle terminazioni in ènza-ènze

esempi: presidènza – potènza – sènza – riconoscènza – influènze – evanescènze.

 

  1. Nelle terminazioni in èrrimo-èrrima-èrrimi-èrrime 

esempi: acèrrimo – misèrrimi – integèrrimo – celebèrrime.

 

  1. Nella terminazione in èsimo-èsima-èsimi-èsime dei numerali 

esempi: ventèsimo – trentèsima – ennèsime – centèsimi -millèsimo.

 

  1. Nelle terminazioni in èstro-èstra-èstri-èstre

esempi: campèstre – terrèstre – alpèstre – bimèstre – capèstro – dèstro – èstro – maèstro – minèstra – finèstra – orchèstra – palèstra – sequèstri – terrèstri – ambidèstri.

 

  1. Nelle terminazioni in èrvo-èrva-èrvi-èrve 

esempi: cèrvo – ossèrvi – catèrva – sèrve.

 

  1. Nelle terminazioni in èrro-èrra-èrri-èrre

esempi: attèrro – affèrro – èrro – sfèrra – sièrra – sghèrri – tèrre.

 

  1. Nelle terminazioni in èco-èca-èchi-èche

esempi: bièco – bibliotèca – discotèca – trichèchi – tèche.

 

  1. Nelle terminazioni in èrbo-èrba-èrbi-èrbe-èrbio-èrbia

esempi: accidèrba – èrba – èrbe – risèrbo – supèrbi – provèrbio – supèrbia.

 

  1. Nelle terminazioni in èrlo-èrla-èrli-èrle 

esempi: gèrla – mèrlo – pèrla – sbèrle.

 

  1. Nelle terminazioni in èrso/a/i/e 

esempi: avvèrso – dispèrsa – divèrsi – emèrse.

  1. Nelle terminazioni in èbbo-èbba-èbbi-èbbe-èbbro-èbbra-èbbri-èbbre-èbo-èba- èbi-èbe

esempi: dèbbo – dèbba – èbbi – èbbe – èbbro – fèbbre – glèba – plèbe – sèbo.

 

  1. Nelle terminazioni in èrio-èria-èri-èrie:

esempi: putifèrio – intempèrie – sèrie – sèria

 

  1. Nelle terminazioni in -èzio/a/e/o:

inèzia – spèzie – facèzia – trapèzio

 

  1. Nel dittongo

esempi: diètro – bandièra – vièni – ièri – piède – mièle – dièci – chièdere – lièto – mièi.

eccezioni

  • chiérico, bigliétto, riéntro, gliélo, riémpio; 
  • le parole in cui la “i” si unisce alle finali in:
  • ése/i: marsigliése – ateniése;
  • ètto/a/i/e (in genere diminutivi): magliétta – vecchiétto – fogliétto
  • ézza: ampiézza – gaiézza
  • ésco/a/éschi/ésche: scimmiésco – poliziésco.
  • In poche parole, la “e” del dittongo “ie” viene aasorbita dalle regole della “e” chiusa sopra indicate.

 

  1. Quando la “e” è seguita da vocale:

esempi: contèa – dèa – ebrèi – darèi – europèo – metèora – mallèolo – fèudo – rèuma

eccezioni

  • le desinenze del passato remoto: credéi – potéi – perdéi; 
  • le preposizioni articolate e aggettivi dimostrativi: déi – péi – néi – quéi, ecc…

 

  1. Quando la E tonica è seguita da una consonante e due vocali 

esempi: sèrie – critèrio – camèlia – artèria – commèdia – misèria – ossèquio – spècie,

eccezioni: frégio – sfrégio;

  • quando la “e” è seguita dalle sillabe “guo”-“gua”-“gui”- “gue”, es.: séguo ( e tutti i dierviati del verbo seguire) – strégua – trégua.

 

  1. Nelle terminazioni in èrto-èrta-èrti-èrte

esempi: apèrto – copèrto – incèrto – avvèrto – soffèrto.

eccezioni: érta – érto – allérta.

 

  1. Nelle terminazioni di molti vocaboli in èdo-èda-èdi-ède

esempi: arrèdo – accèdo – Crèdo (professione di fede) – erède – schèda – prèda.

eccezioni: le forme verbali derivanti da vedére e credére: védo, crédo, véda, créda..; il vocabolo féde.

 

  1. Nelle terminazioni in èsto-èsta-èsti-èste

esempi: arrèsto – celèste – contèsto – lèsti – manifèsto – tempèsta – pèste (malattia).

eccezioni: désto – péste (impronte) – quésto – codésto, ecc…

 

  1. Nelle terminazioni in èrno-èrna-èrni-èrne

esempi: altèrno – etèrni – govèrno – modèrna – quadèrno.

eccezioni: schérno.

 

  1. Nella terminazioni in èlo-èla-èli-èle

esempi: babèle – clientèla – gèlo – miscèla – sfacèlo – surgèli – Vangèlo – zèlo.

eccezioni: candéla – fedéle – méla – pélo – téla – vélo, ecc...

 

  1. Nelle terminazioni in èmma-èmmi-èmme

esempi: dilèmma – flèmma – Betlèmme – Gerusalèmme – gèmma – èmme – stemma.

eccezioni: Marémma.

 

  1. Nelle terminazioni in ègo-èga-èghi-èghe-èggo-ègga

esempi: bèga – collèga – stratèga – prègo – corrèggo – sorrègga.

eccezioni: bottéga – colléga (da collegare) – légo – ségo – stréga.

 

  1. Nelle terminazioni in èrcio-èrcia-èrci-èrce-èrco-èrca-èrchi-èrche

esempi: guèrcio – quèrcia – mèrci – stèrco – altèrchi.

eccezioni: il verbo cercare: cérco – cérchi – cérca… e i suoi derivati.

 

  1. Nelle terminazioni in èvo-èva-èvi-ève 

esempi: èvo – lèva – brève – longèvi – medioèvo.

eccezioni: le desinenze dell’imperfetto: avévo – dicévo – facévo, ecc..

 

  1. Nelle desinenze dell’infinito in “èndere” 

esempi: appèndere – comprèndere – difèndere – rèndere.

eccezioni: véndere – scéndere.

 

  1. Nelle terminazioni in -èllo/a/i/e

Esempi: lavèllo, porcèllo, bidèllo, cammèllo…

Eccezioni: stélla/- capéllo/i

  • Nelle preposizioni articolate e aggettivi dimostrativi: néllo/a/i/e – quéllo/a/i/e, ecc…

 

 REGOLE DELLA “E” CHIUSA E RELATIVE ECCEZIONI

La E e sempre chiusa nei seguenti casi:

  1. Nelle seguenti parole tronche e nei seguenti monosillabi

affinché – poiché – ché – benché – perché – é (congiunzione) – mé – té – cé – sé – vé – ré – tré (attenzione: ré accentato chiuso indica “sovrano”, mentre rè accentato aperto indica la nota musicale).

 

  1. Nelle terminazioni in éfice-éfici 

esempi: oréfice – carnéfice – pontéfici.

 

  1. Nelle desinenze verbali del passato remoto: éi-ésti-émmo-éste-érono

esempi: potéi – potésti – credémmo – credéste – credérono – facésti – facémmo – verrésti – potréste – farémmo.

 

  1. Nella prima e seconda persona plurale del futuro di tutti i verbi in rémo-réte

esempi: sarémo – farémo – saréte – avrémo – avréte – dirémo – diréte – darémo – daréte.

 

  1. Nelle desinenze dell’imperfetto in évo-évi-éva-évano

esempi: potévo – facévi – dicéva – godévano.

 

  1. Nella desinenza degli infiniti in -ére della seconda coniugazione 

esempi: avére – tenére – bére – rimanére – ottenére – piacére – sostenére.

 

  1. Nelle desinenze dell’imperfetto congiuntivo e del condizionale in éssi-ésse-éssero-éste-ésti

esempi: che io avéssi – che tu facéssi – che egli dicésse – che noi corréssimo – che voi tenéste – che essi potéssero – verréste – faréste – dirémmo – andrésti.

 

  1. Nelle terminazioni in éccio-éccia-écci-écce 

esempi: cicaléccio – tréccia – bréccia – intrécci – frécce.

 

  1. Nelle terminazioni in éce-éci 

esempi: féce – céci – invéce – péce.

 

  1. Nelle terminazioni in égno-égna-égni-égne

esempi: contégno – ritégno – congégno – impégno – ingégno – ségno – légna – sostégni – rasségne – inségna – conségne.

 

  1. Nella terminazione in -ménte degli avverbi

esempi: amabilménte – favorevolménte – cordialménte – dolceménte – facilménte.

 

  1. Nei diminutivi terminanti in étto-étta-étti-étte

esempi: ariétta – camicétta – barchétta – vecchiétta – collétto – earrétto – biciclétta – si- garétta – forchétta – lamétta – loggétta – motorétta – palétto – pinzétta – quartétti – rosétte – reginétta – sonétto – terzétto – targhétta.

 

  1. Nelle terminazioni in éso-ésa-ési-ése.

esempi: albanése – accéso – arréso – barési – cortése – discésa – imprésa – illési – paése – péso – résa – viennési.

eccezioni: tèsi – catechèsi – cosmèsi – esegèsi – mimèsi – parèsi – Agnèse – anamnèsi – anurèsi

 

  1. Nelle terminazioni in écco-écca-écchi-écche-écchio-écchia-écchie 

esempi: sécco – bistécca – catapécchia – Lécco – lécca – orécchio – parécchi – apparécchio – sécchio – sécchia – stécco – zécche.

eccezioni: ècco – pècca – salamelècchi – pècche – vècchio – vècchie.

 

  1. Nelle terminazioni in éggio-éggia-éggi-égge

esempi: aggéggio – arpéggio – cartéggio – diléggio – campéggio – fraséggio – fianchéggio – noléggio – grégge – gréggio – puléggia – passéggio – Réggio Emilia – Réggio Calabria – sortéggio – schéggia – veléggio – légge (ordinamento dello Stato).

eccezioni: corrègge – protègge – lègge (da leggere) – pèggio – règgia – sèggio.

 

  1. Nella seconda persona plurale dell’indicativo presente e dell’imperativo dei verbi della seconda coniugazione in – éte

esempi: avéte – dovéte – potéte – corréte.

eccezioni: siète

 

  1. Nelle terminazioni in étto-étta-étti-étte, anche non diminutivi

esempi: addétto – affétta (da affettare) – architétto – accétta (mannaia) – berrétto – co- strétto – détto – dimétto – fétta – frétta – grétto – gavétta – ghétto – ghétte – métto – nétto – ristrétto – strétto – tétto – vétta

eccezioni: le desinenze del passato remoto; inètto – dialètto – dirètto – sètte – dilètto – lètto – rètta – pètto – concètto – aspètto, ecc…

 

  1. Nei suffissi di aggettivi che al singolare  terminano in – évole 

esempi: lodévole- caritatévole – deplorévole, ecc…

 

  1. Nei suffissi di sostantivi in – ézza:

esempi: bellézza – debolézza – segretézza

eccezioni: mèzza

 

  1. Nelle preposizioni semplici e articolate, negli aggettivi dimostrativi e nei pronomi personali:

esempi: pér – néllo – délle – quéllo – codésto – éssi – égli – éssa…

 

  1. Nei suffissi di sostantivi in – ésimo

Esempi: cristianésimo – battésimo – feudalésimo – incantésimo – ecc…

Eccezioni: numerali in – èsimo: quattrodicèsimo – ennèsimo – infinitèsimo – ecc…

 

E APERTE E CHIUSE: ALTRE INDICAZIONI

Ecco altri esempi sulla corretta pronuncia della E riguardanti gruppi di vocaboli non inquadrabili con regole precise:

 

Vocaboli sdruccioli (vocaboli il cui accento cade sulla terzultima sillaba)

È aperta: angèlico – anèmico – arsènico – acèrrimo – biètola – bisbètico – dècade – èpico – èttaro – fèrvido – frenètico – lèttera (o léttera) – lucèrtola – mènsola – mèrito – mètodo – ocèano – pèrmuta – pètalo – règola – rèndita – schèletro – splèndido – tènero – telèfono – tièpido – vègeto – zèfiro – malèvolo – benèvoli.

É chiusa: accrédito – arcivéscovo – béttola – cémbalo – cénere – chiérico – créscita – débito – débole – doménica – édera (e ammesso anche èdera) – fégato – fémmina – illécito – méscita – méstolo – péntola – pettégolo – prezzémolo – séguito – sémina – sémplice – sétola – sollécito – sollético – sédici – tégola – tréspolo – trédici – védova – vérgine – véscovo – zénzero…; molte forme verbali terminanti in -ere: perméttere – ricévere – crédere…; l’aggettivo medésimo.

 

Terminazioni in eno-ena-eni-ene

È aperta: i vocaboli che indicano appartenenza a città, paese, nazione o stirpe: madrilèno – saracèno – nazarèno; bène – rène – scèna – sirèna – trèno – amèno – amarèna – carèna – arèna (anfiteatro) – oscèno.

É chiusa: altaléna – caténa – arcobaléno – réna – avéna – baléna – péna – véna – céna – séno – terréno – veléno – nemméno – méno.

 

Terminazioni in esso-essa-essi-esse

È aperta: adèsso – concèsso – decèsso – esprèsso – gèsso – prèsso – succèsso – regrèsso – progrèsso – mèsse (mietitura).

É chiusa: i pronomi: ésso – éssa – éssi – ésse; professioni e titoli al femminile: dottoréssa – avvocatéssa – professoréssa, contéssa, principéssa, elefantéssa, ecc..; tutte le derivazioni del verbo méttere: mésso – riméssa – promésso – permésso – manomésso – ammésso;  méssa (rito) – fésso – lésso – stésso – spésso.

 

Terminazioni in ero-era-eri-ere

È aperta: austèro – bufèra – leggèro – mistèro – Vèra (nome proprio) – sfera.

É chiusa: céro – céra – capinéra – néro – bére – séra – davvéro – intéro – véro – péra…; tutti gli infiniti in ére: vedére – piacére -avére.

 

Terminazioni in eto-eta-eti-ete

È aperta: alfabèto – ascèta – quièti – diabète – mèta – prète -complèto – mansuèto – consuèto – profèta – vèto – zèta.

É chiusa: acéto – abéte – nelle terminazioni in – éto/a/i dei nomi collettivi: cannéto – pinéta, vignéto, arancéto…) –  créta – cométa – gréto – indiscréto – minaréto – paréte – réte – segréto – séta – séte – pianéta.

 

Terminazioni in ezzo-ezza-ezzi

È aperta: apprèzzo – prèzzo – mèzzo – pèzza – tramèzzo – disprèzzo.

É chiusa: tutti i derivati da aggettivi (vedi regola 19, pag. 28); brézza, ribrézzo, attrézzo.

 

Terminazioni in enno-enna-enne

È aperta: undicènne – sessantènne – solènne – perènne – indènne.

É chiusa: cénno – coténna – pénna – sénno – ténni – vénni.

 

Ottimo! Sono terminate le Regole della Dizione delle E aperte e chiuse.

È ora il momento delle regole di dizione della O aperta e chiusa, con relative eccezioni:

 

REGOLE DELLA “Ò” APERTA

 

  1. Nelle parole che terminano in consonante e nei termini stranieri che usiamo abitualmente

esempi: aerosòl – biberòn – bòx – carillòn – cinefòrum – còrner – cròss – factòtum – gòlf – gòng – linòleum – lòden – lòrd – mònitor – òvest – pòker – pullòver – repòrter – revòlver – smòg – spònsor – snòb – stòp.

 

  1. Nelle terminazioni in òide-òidi

esempi: adenòide – mattòide – asteròide – mongolòide – tiròide.

 

  1. Nelle terminazioni in òsi-òsio dei nomi scientifici

esempi: artròsi – calcolòsi – simbiòsi – apoteòsi – scoliòsi – destròsio – tubercolòsi.

 

  1. Nelle terminazioni in òrgia-òrge-òlgia-òlge 

esempi: bòlgia – fòrgia – òrge – pappagòrgia.

 

  1. Nelle terminazioni in òggio-òggia-òggi-ògge-ògio-ògia-ògi-òge

esempi: òggi – pòggia – pòggio – lògge – mògio – barbògia – fròge – dòge – orològi.

 

  1. Nelle terminazioni in òrchio-òrchia-òrchi-òrchie-òrco-òrca 

esempi: rimòrchio – bòrchia – òrco – òrchi – mòrchia – tòrchi.

 

  1. Negli infiniti sdruccioli dei verbi della seconda coniugazione (terminanti in -ere)

esempi: accògliere – avvòlgere – muòvere – devòlvere – esplòdere – commuòvere.

 

  1. Nelle terminazioni in òbbo-òbba-òbbe-òbbi-òbo-òba-òbe-òbi

esempi: addòbbo – gòbba – gòbbo – sgòbbi – glòbo – lòbo – pròbo – ròba.

 

  1. Nelle terminazioni in òco-òca-òchi-oche 

esempi: fiòco – fòca – òche – ròchi – pòco.

 

  1. Nelle terminazioni in òcre-òcra-òcri 

esempi: mediòcre – òcra – Lòcri.

 

  1. Nelle terminazioni in òffo-òffa-òffi-òffe-òfo-òfa-òfi-òfe 

esempi: gòffa – gagliòffo – stòffa – còffe – carciòfo – stròfe – scròfa.

 

  1. Nelle terminazioni in ònso-ònsa-ònsi-ònse 

esempi: Alfònso – intònso – respònso.

 

  1. Nelle terminazioni in òrbo-òrba-òrbi-orbe 

esempi: òrbo – sòrbe – mòrbo.

 

  1. Nelle terminazioni in òrzo-òrza-òrze-òrzi-òrzio

esempi: consòrzio – divòrzio – fòrze – òrzo – rinfòrzo – scòrza – sfòrzi.

 

  1. Nelle parole tronche in genere

esempi: amò – arrivò – bruciò – brucerò – farò – darò -girerò – metterò – poserò – ciò – dò (anche la nota musicale) – falò – può – però – tò (tieni) – tòh! (esclamazione).

 

  1. Nelle terminazioni in òldo-òlda-òldi-òlde 

esempi: Aròldo – Bertòldo – Leopòldo – sòldo – tòlda.

eccezioni: manigóldo.

 

  1. Nelle terminazioni in òsco-òsca-òschi-òsche 

esempi: bòsco – chiòsco – còsca – Tòsca.

eccezioni: fósco – Iósco – tósco (tóscano) – mósca.

 

  1. Nelle terminazioni in òstro-òstra-òstri-òstre

esempi: chiòstro – chiòstra – inchiòstro – nòstro – vòstre – ròstro – giòstra.

eccezioni: móstra – móstro e tutte le voci del verbo mostrare e derivati.

 

  1. Nelle terminazioni in òpo-òpa-òpi-òpe-òppo-òppa-òppi-òppe-òppio-òppia 

esempi: ciclòpe – scòpo – còppa – còppia – galòppo – piòppo – scòppio – tòppa.

eccezioni: scópa (da scopare) – dópo – dóppio – raddóppio – cóppo (tegola) – póppa – stóppie – stóppa – cóppa (affettato).

 

  1. Nelle terminazioni in òrro-òrra-òrri-òrre 

esempi: camòrra – gnòrri – zavòrra – mòrra – pòrri.

eccezioni: le voci del verbo córrere e i suoi derivati: córro-córri…;

il verbo pórre e i suoi derivati all’infinito: ripórre – suppórre – impórre…; la parola tórre.

 

  1. Nelle terminazioni in ògo-òga-òghe-òghi

esempi: demagògo – sinagòga – rògo (ammesso anche rógo) – tòga – dròga – pedagòghi.

eccezioni: fóga – vóga – giógo.

 

  1. Nel caso in cui la O della sillaba tonica sia seguita da una consonante e 2 vocali 

esempi: auditòrio – ambròsia – bòria – baldòria – begònie – conservatòrio – colònia – custòdia – dormitòrio – demònio – empòrio – episòdio – fandònia – glòria – irrisòrio – mortòrio – memòria – matrimònio – negòzio – orològio – petròlio – purgatòrio – patrimònio – stòria – sòcio – territòrio – testimònio – uditòrio – vittòria.

eccezioni: incrócio.

 

  1. Nelle terminazioni in òccio-òccia-òcci-òcce-òcio-òcia-òce

esempi: bambòccio – appròccio – bisbòccia – bòcce – sbòccia – assòcio – sòcio – feròcia – cartòcci – chiòcce – còcci – còccia – saccòccia.

eccezioni: dóccia – góccia – sfócia (da sfociare) – feróce – móccio.

 

  1. Nelle terminazioni in òcco-òcca-òcchi-òcche-òcchio-òcchia-òcchie

esempi: albicòcca – allòcco – balòcchi – bròcca – capòcchia – canòcchie – cròcchio – còcco – ciòcco – fiòcco – ginòcchio – gnòcchi – marmòcchio – sciròcco – parròcchia – schiòcco – tòcco (berretto dei giudici).

eccezioni: il verbo tóccare con le sue derivazioni; bócca e le sue derivazioni, anche nei verbi (imbóccare – sbóccare – abbóccare…).

 

  1. Nel caso in cui la O tonica venga a trovarsi nel dittongo

esempi: aiuòla – buòno – banderuòla – cuòre – cuòco – cuòio – cuòcere – duòmo – duòle – fuòco – giuòco – muòvo – muòio – nuòvo – nuòra – nuòce – può – paiuòlo – quòta – ruòta – suòno – suòre – suòcera – stuòia – tuòno – tuòi – tuòrlo – uòmo – uòvo – uòse – vuòti – vuòi – vuòle.

eccezioni: le terminazioni in uóso – uósa – uósi – uóse: affettuóso – lussuóso – mostruóso…; i vocaboli liquóre – languóre – sciacquóne – scialacquóne.

 

  1. Nelle terminazioni in òlo-òla-òli-òle

esempi: acquaiòlo – armaiòlo – carriòla – fumaiòlo – giaggiòlo – mentòlo – pistòla – tagliòla – usignòlo – viòla – vaiòlo – stòla – spòla – pòlo – dòlo – nòlo – mòlo.

eccezioni: góla – sóle – sólo – vólo – scólo.

 

  1. Nelle terminazioni in òrto-òrta-òrti-òrte

esempi: abòrto – aòrta – accòrti – boccapòrto – contòrte – consòrte – fòrte – mòrto – mòrte – pianofòrte – scòrta – smòrto – stòrti – spòrta – tòrto.

Eccezioni: i derivati di sórgere (sórto – risórto); córto – córte – tórta.

 

  1. Nelle terminazioni in òsto-òsta-òsti-òste

esempi: arròsto – appòsta – còsta (sia la costa geografica sia la verdura) – còsto – cròsta – batòsta – nullaòsta – girarròsto – impòsta (persiana) – òste – pòsta (corrispon- denza) – piuttòsto – sòsta – tòsto.

eccezioni: il verbo pórre con tutti i suoi derivati (pósto – dispósto – propósta – suppósta – ripósto); agósto – aragósta – mósto – rispósta.

 

  1. Nelle terminazioni in òrdo-òrda-òrdi-òrde-òrdia-òrdie

esempi: còrda – accòrdo – concòrdia – discòrde – fiòrdo – mòrdo – misericòrdia – òrda – ricòrdo – raccòrdo.

eccezioni: bórdo (e i suoi derivati) – lórdo – sórdo – ingórdo.

 

  1. Nelle terminazioni in òtto-òtta-òtti-òtte

esempi: bòtta – bassòtto – bergamòtto – ricòtta – risòtto – còtto – canòtti – cappòtto – ca- ciòtte – dòtto (erudito) – diciòtto – gròtta – gavòtta – lòtto – lòtta – marmòtta – mòtto – pagnòtta – salòtto – tròtto.

eccezioni: il participio dei verbi che derivano dal latino “ducere”:  condurre (condótto), dedurre (dedótto), ridurre (ridótto)…; la parola ghiótto e le parole terminanti in -rótto – rótta – sótto.

 

  1. Nelle terminazioni in òglio-òglia-ògli-òglie

esempi: cordòglio – dòglie – fògli – fòglia – còglie – raccòglie – sòglia – spòglio – tòglie – vòglia.

eccezioni: tutti i vocaboli nei quali la suddetta terminazione sia preceduta da M o G come: móglie – orgóglio – germógli – gorgóglio – rigóglio.

 

  1. Nelle terminazioni in òzzo-òzza-òzzi-òzze

esempi: bòzza – stròzzo – stròzza – piccòzza – còzze – carròzza – còzzo -nòzze – maritòzzo – tòzzo – tavolòzza.

eccezioni: gózzo – mózzo (sia reciso, sia ragazzo di nave o di stalla) – pózzo – pózza – rózzo – sózzo -singhiózzo.

 

  1. Nelle terminazioni in òto-òta-òti-òte

esempi: banconòta – caròta – devòto – dòte – fòto – mòto – mòta – lòto – quòto – quòta – patriòta – pilòta – terremòto – tròte.

eccezioni: vóto – nipóte.

 

  1. Nelle terminazioni in òscio-òscia-òsci-òsce

esempi: angòscia – còscia – camòscio – flòscio – pòscia – scròscio.

eccezioni: móscio.

 

  1. Nelle terminazioni in òsso-òssa-òssi-òsse

esempi: addòsso – colòsso – dòsso – fòsso – gròsso – mòsso – pòsso – paradòssi – òssa,

eccezioni: alcune forme verbali di essere (fóssi – fósse – fóssero); rósso – tósse.

 

  1. Nelle terminazioni in òmo-òma-òmi-òme

esempi: addòme – aròma – chiòma – gnòmo – sòma – tòmo.

eccezioni: nóme – cognóme – cóme – pronóme – pómo.

 

  1. Nelle terminazioni in òdo-òda-òdi-òde

esempi: appròdo – sòdo – bròdo – pròde – chiòdi – custòde – mòda – mòdo – nòdi – òdo.

eccezioni: le forme verbali del verbo ródere: ródo – ródi – róde – ródono; la parola coda

                  

  1. Nelle terminazioni in ònno-ònna-ònni-ònne-ònnia-ònnie

esempi: nònno – nònna – bisnònno – insònne – insònnia – Madònna – dònna,

eccezioni: colónna – gónna (ma si può dire anche gònna) – sónno – tónno.

 

  1. Nelle terminazioni in òlto-òlta-òlti-òlte

esempi: accòlto – avvòlti – assòlta – còlto (da cògliere) – risòlto – raccòlto – svòlta – sciòlti.

eccezioni: ascólto – cólto (istruito) – fólto – mólto – stólto – vólto (viso).

 

REGOLE DELLA “Ó” CHIUSA

La O va pronunciata sempre chiusa nei seguenti casi:

  1. Nelle terminazioni in -zióne-zióni

esempi: abitazióne – creazióne – composizióne – reazióne – sensazióne – umiliazióne.

 

  1. Nelle terminazioni in ógno-ógna-ógni-ógne

esempi: bisógno – vigógna – cicógna – ógni – menzógna – sógno – fógna – rógna.

 

  1. Nelle terminazioni in óndo-ónda-óndi-ónde-óndia-óndie

esempi: affónda – bióndo – dónde – d’altrónde – fecóndo – giramóndo – fiónda – grónda – iracóndi – moribónda – inverecóndia – rotóndo – secóndo.

 

  1. Nelle terminazioni in ónto-ónta-ónti-ónte

esempi: cónto – bisónte – affrónto – mónte – ónta – pónti – scónto – prónto – tramónto.

 

  1. Nelle terminazioni in ógnolo-ógnola-ógnoli-ógnole 

esempi: amarógnolo – giallógnolo – azzurrógnoli – verdógnolo.

 

  1. Nelle terminazioni in ólmo-ólma-ólmi-ólme 

esempi: cólmo – ólmo – ricólmo.

 

  1. Nelle terminazioni in ólpo-ólpa-ólpi-ólpe 

esempi: cólpo – pólpa – cólpa – cólpe.

 

  1. Nella terminazione in -óltre 

esempi: óltre – inóltre – cóltre.

 

  1. Nelle terminazioni in ómbo-ómba-ómbi-ómbe

esempi: colómba – bómba – lómbo – trómba – palómbo – piómbo – rómbo.

 

  1. Nelle terminazioni in ónfio-ónfia-ónfi-ónfie-ónfo-ónfa 

esempi: gónfio – rigónfio – trónfio – tónfo.

 

  1. Nelle terminazioni in óntro-óntra-óntri-óntre 

esempi: lóntra – cóntro – incóntro – scóntro.

 

  1. Nelle terminazioni in ónzo-ónza-ónzi-ónze

esempi: abbrónzo – gónzo – zónzo – lónza – Mónza – brónzo – sbrónza.

 

  1. Nelle terminazioni in órcio-órcia-órci-órce

esempi: accórcio – órcio – sórcio – scórcio – spilórcio – raccórcio.

 

  1. Nelle terminazioni in ó1so-ólsa-ó1si-ólse 

esempi: bólso – pólsi.

eccezioni: tòlsi – risòlsi – còlsi.

 

  1. Nelle terminazioni in órgo-órga-órghi-órghe-órgi-órge

esempi: bórgo – ingórgo – sobbórgo – sgórgo – risórgo – górgo – insórgo.

eccezioni: i verbi pòrgere e scòrgere: scòrgo – pòrgo – scòrgi – pòrgi.

 

  1. Nelle terminazioni in órso-órsa-órsi-órse

esempi: bórsa – órsi – córsa – risórsa – fórse – decórso – ricórso – scórso – sbórso.

eccezioni: il passato remoto di mòrdere (mòrsi), pòrgere (pòrsi), scòrgere (scòrsi); còrso (della Corsica) – mòrso – rimòrso – mòrsa.

 

  1. Nelle terminazioni in óso-ósa-ósi-óse

esempi: tutti gli aggettivi che derivano da sostantivi, anche se la O tonica appartiene al dittongo uo che, come già visto, in genere vuole la O aperta: acquóso – affettuóso – mostruóso – lussuóso – afóso – brióso – dignitósi – carnóse – imperióso – rumorósi – penósa.

eccezioni: i termini medici: artròsi – calcolòsi; le parole còsa – jòsa – ròsa – spòsa.

 

  1. Nelle terminazioni in óce-óci, quando la O non sia preceduta dalla U. 

esempi: atróce – feróce – cróce – fóce – nóce – velóce – vóce,

eccezioni: precòce – feròcia.

 

  1. Nelle terminazioni in órmo-órma-órmi-órme

esempi: tutti i derivati da forma (aerifórme – confórme – cuneifórme – diffórme – infórme); enórme – órma – stórmo – tórma.

eccezioni: abnòrme – dòrme (da dormire) – nòrma – Nòrma (nome proprio).

 

  1. Nelle terminazioni in ólco-ólca-ólci-ólce 

esempi: sólco – bifólco – microsólco – dólce.

eccezioni: pòlca.

 

O APERTE E CHIUSE: ALTRE INDICAZIONI

Come già fatto per la lettera E, ecco altri esempi sulla corretta pronuncia della O riguardanti gruppi di vocaboli non inquadrabili con regole precise:

 

Vocaboli sdruccioli

Ò aperta: agrònomo – autòdromo – antibiòtico – baròmetro – buròcrate – bibliòfilo – binòcolo – biògrafo – bòtola – cònsono – còniuge – còrnea – depòsito – diabòlico – dispòtico – dònnola – dòmino – ecònomo – elicòttero – eròico – esòtico – fenòmeno – filòsofo – fòrbici – fòdera – glòbulo – geòmetra – idòneo – immobile -intònaco – lacònico – maiòlica – nòbile – òrafo – pòlline – ròtula – sciòpero – scòmodo – tònaca – vòrtice – vòmero – vòmito – viòttolo – zòccolo – zòtico.

Ó chiusa: i vocaboli che terminano in ógnolo-órzolo-ónzolo, anche al femminile e al plurale (azzurrógnolo – verdógnolo – giallógnolo – bitórzolo – raperónzolo);

bómbola – brónzeo – cióndolo – disórdine – dóndolo – fórfora – gómito – góndola – lógoro – órdine – pólvere – pórpora – quattórdici – ricóvero – róndine – sgómbero – tómbola – tórbido – tórtora – vóngola.

 

Terminazioni in ollo-olla-olli-olle

Ò aperta: atòllo – Apòllo – bricòlla – barcòlli – contròllo – còlla – còllo -còlli – còlle – cròllo – decòllo – fòlle – mòlla – mòllo – torcicòllo – vòlli – vòlle – scavezzacòllo – scròllo.

Ó chiusa: ampólla bóllo bólla francobóllo ingóllo – cipólla midóllo póllo rampóllo – midólla – satóllo.

 

Terminazioni in oro-ora-ori-ore

Ò aperta: auròra – allòro – castòro – canòro – còri – clòro – dimòra – decòro – disdòro – deplòro – fòro (tribunale, piazza).

Ó chiusa: amóre anterióre accalóro adóro assapóro ancóra ardóre baglióre capolavóro – colóro – brucióre – candóre – timóre – pastóre – pittóre – divóro – costóro – editóre – lavóro – fóro (buco) – onóre – lóro – rettóre.

 

Terminazioni in ovo-ova-ovi-ove

Ò aperta: alcòva – pròva – appròvo – diciannòve – nòve – piòve – rinnòvo – ritròvo – tròva -compròvo.

Ó chiusa: altróve – dóve – cóva – cóvo – róvo – óve – laddóve – gióva – scóvo.

 

Terminazioni in oio-oia-oi-oie

Ò aperta: bòia – giòia – nòia – paranòia – pòi – sòia – Tròia – cuòio – salamòia – stuòia – muòia.

Ó chiusa: attizzatóio – abbeveratóio – cesóie – feritóia – corridóio – frantóio – ballatóio – mangiatóie – scappatóia – galoppatóio – ingóio – lavatóio – passatóia – rasóio – scorsóio – tettóia – vassóio.

 

Terminazioni in ono-ona-oni-one-onio-onia-onie

Ò aperta: acrimònia – testimònio – testimòne – zòna – patrimònio – matrimòni – patròno – còno – fòno – tòno – chimòno – colòno – nòno – ozòno – pròno – tròno.

Ó chiusa: tutti gli accrescitivi come bestióne – capróne – bullóne;

 abbandóno – dóno – erosióne – festóne – gestióne – istrióne – illusióne – ottóne – pensióne – perdóno – questióne – regióne – sóno – sornióne – torróne -ustióne – spróne – tenzóne.

 

Terminazioni in orno-orna-orni-orne

Ò aperta: còrno – còrna – scòrno – capricòrno – liocòrno – tricòrno.

Ó chiusa: adórno – aggiórno – attórno – buongiórno – dintórni – disadórna fórno Livórno – giórno – órno – ritórno – stórno – sfórno – tórno.

 

LE REGOLE DELLA DIZIONE: CONSONANTI SORDE E SONORE

 

Oltre alle vocali, aperte e chiuse, è importante anche differenziare il suono delle consonanti S e Z che possono essere sorde o sonore (dette anche aspre o dolci).

Questi due suoni, aspri e dolci, vengono distinti graficamente, sia della S che della Z.

 

s = aspraz = aspra
∫ = dolceʒ = dolce

 

La S aspra o sorda è quella di “sasso”, la S dolce o sonora è quella di “asino”; la Z aspra è quella di “Zucca”, la Z dolce è quella di “ʒanʒara”.

Vediamo ora le Regole della Dizione delle S e Z sorde e sonore:

 

REGOLE DELLA S DOLCE O SONORA

La consonante S si pronuncia sonora (“ʃ “ sul D.O.P.), come in roʃa, nei seguenti casi:

  1. Quando è seguita dalle consonanti L-M-R-V-G-B-N-D (iL MaRe VaGaBoNDo, per memorizzare) sia all’inizio sia nel corpo della parola

esempi: ʃbadato – ʃbattere – ʃbadiglio – ʃdegno – ʃdentato – diʃdoro – ʃgabello – ʃgabuzzino – ʃgargiante – ʃleale – diʃlivello – ʃlancio – ʃmalto – aʃma – coʃmetico – ʃnello – ʃnidare – biʃnonno – ʃragionare – ʃregolatezza – ʃvelto – ʃvenire – ʃvergognato.

 

  1. Nei prefissi bis-cis-dis-tras-tris-es seguiti da una vocale

esempi: biʃavolo – biʃonte – ciʃalpino – diʃobbediente – diʃorganico – tranʃito – traʃandato – triʃavolo – eʃonero – eʃame – eʃimere.

eccezioni: traSecolare.

 

  1. Nella terminazione in esimo di sostantivi e numerali  

esempi: centeʃimo – enneʃimo – cristianeʃimo.

 

  1. In Genere quando la S si trova tra due vocali (anche se questa regola contraddice quella che vorrebbe si dicesse “casa”, “cosa”, “asino” ma che ormai non è più rispettata nemmeno da coloro che fanno uso professionale della voce)

esempi: aʃilo – aʃola – auʃilio – baʃe – baʃilica – ceʃello – ceʃoie – clauʃola – criʃi – eʃame – eʃempio – fiʃica – iʃola – marcheʃa – muʃo – naʃo – paeʃe – poeʃia – scuʃa – spoʃo – teʃoro – vaʃo – viʃo.

eccezioni: le parole disegno e asimmetria-asimmetrico, che hanno mantenuto la S aspra o sorda.

 

 

REGOLE DELLA S ASPRA O SORDA

La consonante S si pronuncia sempre sorda (“S” sul D.O.P.), come in sasso, nei seguenti casi:

  1. Quando è doppia all’interno della parola 

esempi: roSSo – aSSaSSino – confeSSore – aSSunto.

 

  1. Quando si trova in principio di parola ed è seguita da una vocale

esempi: Sole – Sapere – Senza – Sazio – Superiore.

 

  1. Quando è seguita dalle consonanti C-Q-F-P-T (Come Quando Fuori Piove Tanto, per memorizzare), sia all’inizio sia nel corpo della parola

esempi: Scala – caSco – biScotto – aSfittico – aSfodelo – aSfalto – Spola – aSpetto – Spada – Squalo – PaSqua – Squadra – aStio – Stesso.

 

  1. Quando è preceduta da un’altra consonante 

esempi: abSide – pSicosi – elSa – orSo – corSa – falSo.

 

  1. Quando fa parte dei prefissi tras e dis non seguiti da vocale

esempi: traSportare – traSferire – traScorrere – diSfare – diScarica – diScredito – diStriscare – diScostarsi.

 

  1. Nei monosillabi di derivazione latina

esempi: biS – triS – Sic.

 

  1. Quando è iniziale del secondo componente di un vocabolo composto

esempi: affittaSi, riSerbo, giraSole, ecc.

N.B. in molti casi la composizione della parola può essere meno chiara: coSeno – deSiderio – preSide – preSidente – reSistere – traSecolare – uniSono – preServare – qualSiaSi – riSolvere – riSoluto, ecc.

 

REGOLE DELLA Z DOLCE O SONORA

La consonante Z si pronuncia sonora, (“ʒ” sul D.O.P.), come in ʒanʒara, nei seguenti casi:

 

  1. Quando si trova all’inizio di un vocabolo e la seconda sillaba comincia con L-M-R-V-G-B-N-D (iL MaRe VaGaBoNDo, per memorizzare)

esempi: ʒabaione – ʒodiaco – ʒagara – ʒelo – ʒimarra – ʒona – ʒero – ʒavorra – ʒanʒariera.

Eccezioni: zanna, azzannare, zigano

 

  1. Quando è seguita da due vocali, la prima delle quali Non sia la I 

esempi: ʒaino – ʒoo – ʒuavo – ʒeus.

 

  1. Nei seguenti vocaboli

esempi: biʒantino – maʒurca – aʒalea – diroʒʒare – analiʒʒare – organiʒʒare – armoniʒʒare – ʒefiro – ʒaffiro – ʒotico – ʒeta – aʒʒurro – aʒʒardo – laʒʒarone – laʒʒaretto – doʒʒina.

 

  1. In alcune terminazioni in iʒʒire-iʒʒare-iʒʒatore-oʒʒare

esempi: imbiʒʒire – elettriʒʒare – sintetiʒʒare – sonoriʒʒatore – diroʒʒare – analiʒʒare – organiʒʒare – armoniʒʒare.

eccezioni: abbozzare – spezzare – strizzare – starnazzare – aizzare – attizzare – drizzare – guizzare – raddrizzare – rizzare – schizzare – sprizzare.

 

REGOLE DELLA Z SORDA

La consonante Z si pronuncia sorda (“Z” sul D.O.P.), come in bellezza, nei seguenti casi:

 

  1. Quando si trova dopo un’altra consonante

esempi: lenza – stanza – terzo – sforzo – speranza – danza – manovalanza – sapienza – prudenza – balzo – milza – calza – alzare – raperonzolo – pretonzolo.

eccezioni: elʒeviro – Belʒebù – fronʒolo – gironʒolo.

 

  1. Quando è seguita da due vocali di cui la prima sia una “i”

esempi: grazia – disgrazia – spezia – sazie – spazio – topazio – inezia – facezia –  mestizia – pigrizia – calvizie – canizie – vizio – fittizio – ozio – sacerdozio – arguzia – balbuzie – speziale – pazienza – servizio – giustiziere – prefazione – educazione – astuzia – grazie – vizio – stazione – zio – zia – zii – zie.

 

  1. Nelle terminazioni in azzo-azza-ezzo-ezza-izzo-izza-ozio-ozza-uzzo-uzza (anche al plurale)

esempi: bellezza – purezza – carrozza – tinozza – aguzzo – struzzo – spruzza – pozzo – carrozza – nozze – puzzo – puzza – mezzo (fradicio).

eccezioni: meʒʒo – roʒʒo.

 

  1. Molto spesso in principio di parola se la sillaba successiva inizia con C-F-P-T 

esempi: zucche – zucchero – zolfo – zaffata – zuppa – zampa – zappa – zitella – zitto.

eccezioni: ʒefiro – ʒaffiro – ʒotico – ʒeta – ʒafferano – Ȝante – Ȝacinto

 

CONSIGLI PER LO STUDIO DELLE REGOLE DELLA DIZIONE

L’apprendimento delle regole della dizione richiede impegno, ma con il metodo giusto, può diventare un viaggio appagante.

Ecco alcune strategie per studiare e memorizzare le regole di dizione:

  1. Pianifica lo Studio: Dedica tempo regolare ogni giorno, anche solo 15-20 minuti, per lo studio delle regole della dizione.
  2. Tecniche di Memorizzazione: Sperimenta con la ripetizione spaziata e le mappe mentali. Questi metodi aiutano a rinforzare la memoria.
  3. Coinvolgimento Emotivo: Associa le regole della dizione a emozioni o esperienze personali per un apprendimento più profondo.
  4. Segna gli accenti sui testi: prenditi dei testi di qualunque tipo (giornali, libri, ecc) e identifica con una matita gli accenti aperti e chiusi o le s e z aspre o dolci. Sfrutta il DOP Online per controllare eventuali incertezze. Poi leggi il testo cercando di pronunciare correttamente le parole.
  5. Registrazioni e Feedback: Registra te stesso mentre parli o leggi ad alta voce in corretta dizione e analizza le tue prestazioni. Cerca feedback da un insegnante di dizione o colleghi di studio.
  6. Applicazione Pratica: Applica le regole di dizione nella vita quotidiana, migliorando così la tua pronuncia in ogni occasione.
  7. Ripasso Regolare: Dedica tempo ogni settimana a ripassare ciò che hai imparato.
  8. Pazienza e Consistenza: La padronanza della dizione richiede tempo. Sii paziente e costante nello studio.

Ricorda, la dizione non è solo un insieme di regole: questo è solo un primo (seppur importante e a volte faticoso) passo.

La giusta respirazione diaframmatica, l’articolazione, l’eliminazione della cadenza dialettale o linguistica, la giusta prosodia e modulazione della voce per ottenere una lettura espressiva e interpretata… Sono tutte cose che devi includere nei tuoi studi e allenamenti giornalieri per riuscire a migliorare.

 

Ora ti trovi davanti a un bivio.

Hai due scelte:

  • puoi continuare da solo, esplorando il mondo della dizione attraverso l’autostudio,
  • oppure puoi scegliere un percorso guidato che ti assicura non solo l’apprendimento, ma un miglioramento tangibile e garantito.

Se desideri veramente migliorare la tua dizione e il tuo modo di parlare, memorizzando facilmente le regole della dizione e correggendo la pronuncia delle tue parole, migliorando al contempo la tua voce ed espressività vocale, il nostro corso di Estetica Vocale rappresenta la soluzione ideale per Te.

Attraverso il nostro percorso, insieme al supporto costante di un trainer dedicato, ti offriamo risorse avanzate per lo studio come:

  • videocorsi, audio, dispense, letture e quiz;
  • il nostro metodo esclusivo “Dizione Rapida” per memorizzare facilmente e senza sforzo tutte le regole della dizione;
  • allenamenti di gruppo;
  • consulenze approfondite
  • e feedback costanti.

Il nostro obiettivo è fornirti tutti gli strumenti necessari per guidarti a migliorare davvero la tua voce e dizione in modo coinvolgente ed efficace.

Con noi, non solo riceverai una formazione di altissimo livello, ma anche una garanzia di miglioramento: Se non dovessi riscontrare i miglioramenti seguendo il nostro percorso semestrale, ti offriremo un rimborso completo o potrai frequentare un altro semestre in modo totalmente gratuito.

Questo è il nostro impegno verso il tuo successo e la tua soddisfazione.

Non perdere questa opportunità unica. Affidati a noi per dare voce al tuo potenziale.

Schedula una Analisi Gratuita QUI e inizia il tuo viaggio!

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *